Centro Studi Marcora

8 MAGGIO 2019: 20° ANNIVERSARIO DELLA SCOMPARSA DI LUIGI GRANELLI

Agli amici basisti del Centro Studi

 

Grande giornata ieri all’istituto Sturzo di Roma per commemorare il ventesimo anniversario della scomparsa di Luigi Granelli alla presenza del Capo dello Stato Mattarella numerosi politici e amici. Ha concluso Pier Luigi Castagnetti. La famiglia ha promosso la pubblicazione di una monografia su alcuni degli scritti più interessanti di Luigi. Un doveroso omaggio ad un grande amico ,un maestro politico, l’animatore e cofondatore della Base. Prima della fine anno lo ricorderemo anche a Milano.

undefined

undefined

Potete ascoltare l'intervento integrale cliccando qui:


https://www.radioradicale.it/scheda/572979

 

Potete vedere il video cliccando qui o visitando la nostra mediateca:

 

https://www.youtube.com/watch?v=NvKj-iDupLw&feature=youtu.be

Sabato 24 novembre convegno Giovanni Marcora visto da Washington

undefinedSABATO 24 NOVEMBRE ORE 10
Sede CISL Metropolitana – Sala Grandi - Via Tadino 23 , 20124 MILANO

CONVEGNO PRESENTAZIONE DEL LIBRO :

GIOVANNI MARCORA VISTO DA WASHINGTON


Presiede : Virginio Rognoni


Ore 10,00 INTRODUZIONE

Gianni Mainini
Presidente Centro Studi Giovanni Marcora Inveruno

Ore 10,15 PRESENTAZIONE

Gianni Borsa
Storico e giornalista ,direttore scientifico del Centro Studi

Ore 10,45 RELAZIONE DELL’AUTORE

Emanuele Bernardi
Ricercatore dipartimento di Storia Università La Sapienza Roma

Ore 11, 15 TESTIMONIANZE

Gianni Cervetti
Già parlamentare e dirigente PCI

Roberto Mazzotta
Già parlamentare e dirigente DC

Ore 12,00 CONTRIBUTI

Marco Goria
Presidente Fondazione Goria Asti

Ore 12,30 CONCLUSIONI

Piero Bassetti



Cerimonia di canonizzazione di Papa Montini

undefined

Con Paolo VI negli anni 70. Foto tratta da "Un libro di ricordi" di Luigi Granelli.

 

Cari amici,

nel prossimo ottobre avverrà la cerimonia di canonizzazione di Papa Montini.

Come sapete, da arcivescovo di Milano dal 1954 al 1963, Montini ebbe relazioni con la Base ed i suoi personaggi non facili e non semplici.Uno squarcio della situazioni e della sovrastante cornice politica ci viene fornita con magistrale capacità da Mario Mauri, che ha vissuto quei tempi.

A meglio intendere l'atmosfera dell'epoca, vi invito a leggere un articolo del Corriere della Sera del 23 settembre 2004 (lettera di Montini a mons Dell’Acqua).

Nel ringraziare Mario pubblicamente per il suo interessante contributo, vi invito a leggerlo.

 

Mario Mauri su canonizzazione Montini

La canonizzazione di Giovanni Battista Montini suscita particolari emozioni in coloro che a metà degli anni cinquanta del secolo scorso vissero l'episcopato ambrosiano del futuro Paolo VI (chiamato a succedere, nel 1954, al cardinale Schuster) con molta ammirazione per il complesso della sua azione pastorale, ma anche con qualche difficoltà di comunicazione e comprensione su temi dell' attualità politica del tempo.

Quelli che si riconoscevano nella sinistra cattolico democratica ammirarono molto i primi gesti del nuovo successore di Sant'Ambrogio, la finezza e la modernità culturale dei suoi messaggi e della sue omelie e parteciparono con entusiasmo a quello storico avvenimento che fu la Missione di Milano. Di quella iniziativa pastorale si ricordano in particolare le aperture delle Chiese e dei luoghi di lavoro nella pausa meridiana a intensi momenti di riflessione a cui parteciparono migliaia di milanesi a cui parlarono lo stesso mons. Montini e tra gli altri don Mazzolari, padre Turoldo, Lazzati: sembrò in qualche modo materializzarsi la definizione (allora frequente nella comunicazione giornalistica) di Montini "arcivescovo dei lavoratori".

Nella DC molti evocavano la cultura familiare del presule, figlio e fratello di parlamentari del partito di ispirazione cristiana e quindi una naturale propensione a valutare anche in chiave politica relazioni di carattere sociale e problemi di qualificazione ideologica e culturale. Tutti sapevano della alternativa in Vaticano, rappresentata da Montini, rispetto a personalità definite conservatrici come i cardinali Ottaviani e Pizzardo e molto si disse del favore con cui l'arcivescovo di Milano guardava al conferimento di una laurea honoris causa a
Jacques Maritain, maitre à penser della sinistra cattolico democratica, da parte dell' Università Cattolica.

Il progetto di questo riconoscimento fu bloccato da un intervento romano, appunto. L’arcivescovo contrastò di lì a qualche anno il disegno di una alleanza politica tra democratici cristiani e socialisti e fu quello il momento di difficoltà nei rapporti tra quella parte della DC più orientata a sinistra, rappresentata in particolare dalla corrente di Base, e gli orientamenti manifestati da mons. Montini. Di tale dissenso
scrissero il successore dell'arcivescovo, il cardinale Colombo e importanti studiose come Maria Chiara Mattesini e Eliana Versace, ma la stessa sostanza delle cose dette e scritte allora dal presule e i comportamenti e i giudizi in seguito assunti da Paolo VI dimostrarono che il dissenso non era sulle strategie di rinnovamento a cui i cattolici democratici erano chiamati ma sulle scelte politiche particolari e sui tempi
in cui compierle.

Furono certo momenti difficili per molti di noi: le critiche alle nostre scelte venivano da una fonte di grande autorevolezza e furono strumentalizzate anche in sede elettorale per quanto riguardava il voto dei cattolici. Ma in definitiva l' arcivescovo della missione di Milano diventò il Papa della Populorum Progressio che riconosceva il diritto di ribellarsi ai regimi contrari alle speranze di progresso sociale e di libertà. Questa parte del magistero di Papa Montini fu al centro di critiche della parte conservatrice della gerarchia ecclesiale quando Camillo Torres, antesignano della teologia della liberazione, andò a morire in Bolivia ribellandosi a un regime politico oppressivo.

Questo ricordo ci è caro e commovente nel momento in cui partecipiamo alla festa della Chiesa per il nuovo Santo.

 

Una mia riflessione sul momento attuale Di Gianni Mainini

 

undefined

Nasce il governo di contratto.

Sono contento di aver portato al governo il nostro programma(Di Maio) Niente di nuovo sotto il sole.

Nel luglio 1987 Giovanni Goria diede vita al "governo di programma" per l'azione di guida risoluta e reiterata del presidente Cossiga con lo scopo di mitigare i contrapposti protagonismi di De Mita e Craxi. Ebbe una vita travagliata eduro' poco,fino alla primavera 1988. Lo ricordo nel febbraio al cinema Brera ad Inveruno per il premio Marcora in una platea stracolma che gli osannava"resisti". Un saluto deferente e pieno di nostalgia ad un grande personaggio ed al suo grande maestro Giovanni Marcora.

ADDIO AL COMPAGNO DI BANCO di MARIAPIA GARAVAGLIA

undefined

Seduti in ordine alfabetico, nel secondo settore di destra, nella terza fila, io sul
corridoio e Giovanni Galloni alla mia destra. Per quattro legislature siamo stati
compagni di banco. Immaginarsi la mia emozione all’ inizio, perché era uno dei miei
‘maestri’, essendo stato tra i fondatori della Base, la corrente di sinistra della DC, il
cui il Capo, Giovanni Marcora, era stato il mio iniziatore alla politica, nonché Il
personaggio che mi ha sempre sostenuto e che ho avuto come modello.
La lunga vita di Giovanni Galloni è stata tutta connotata dalla tradizione e dalla
pratica del cattolicesimo democratico. La sua proverbiale lucidità, coniugata con la
competenza del giurista e l’attenzione all’interlocutore e alle sue ragioni, gli hanno
permesso di svolgere con esemplare serietà ed efficacia le diverse funzioni
pubbliche cui è stato chiamato.
Della Democrazia Cristiana fu dirigente di primo piano, appassionato e colto,
sempre propenso al dialogo e al confronto, coraggioso nelle idee e capace di
rischiare per esse. Ha servito con onore lo Stato da ministro della Pubblica
Istruzione e da vicepresidente del Csm.
Fu vicepresidente del partito e due volte vicesegretario, ed è stato direttore de Il
Popolo.
Alle appassionate discussioni politiche si accompagnavano scambi di idee un po’ su
tutto lo scibile. Vero professore, trasmetteva visione e passione civile. Prima che
approvassimo una improvvida legge che ha costretto i professori universitari a
mettersi in aspettativa, Giovanni portava in aula le tesi dei suoi studenti e nelle
interminabili attese di qualche voto dell’Assemblea le correggeva puntigliosamente
e me ne parlava. Sarebbero stati orgogliosi i suoi discepoli.
Soprattutto ho seguito la sua partecipe trepidazione alla preparazione al sacerdozio
del figlio Matteo e, in seguito, alla sua condivisione orgogliosa delle iniziative
pastorali e caritatevoli che don Matteo ha fondato e animato: è la Comunità Amore
e Libertà Onlus. Chiedeva aiuto e sostegno.
Giovanni Galloni può essere degnamente ricordato aiutando a suo nome la
Comunità. (www.amlib.org)

Autrice:Mariapia Garavaglia

http://www.mariapiagaravaglia.it/

Home ← Discussioni più vecchie